«Non lasciate il Lazio alle mafie»: giovedì 29 aprile lavoratori del Gioco pubblico in piazza a Roma

Le categorie del comparto vogliono impedire l'introduzione della retroattività alla legge regionale, che di fatto farebbe diventare illegali oltre il 95% delle attività sul territorio

Giovedì 29 aprile i lavoratori e gli imprenditori del Gioco Legale scendono di nuovo in piazza. Questa volta tocca a quelli del Lazio, che si riuniranno sotto il palazzo del Consiglio regionale per evitare l'introduzione di una normativa espulsiva del gioco pubblico: una scelta retroattiva che - come ricorda Agimeg - dal prossimo mese di agosto farà chiudere centinaia di attività in tutta la Regione. E che oltre a creare una ripercussione pesantissima sui lavoratori del settore, spalancherà le porte al gioco illegale, alle sale clandestine, ai clan della malavita.
L'appuntamento è alle ore 15, a Piazza Oderico da Pordenone sotto il palazzo della Giunta della Regione Lazio con l'iniziativa denominata «Non lasciate il Lazio alle mafie».



per informazioni e suggerimenti: redazione@sportextra.it