L'Uefa punisce il Ventspils con 7 anni di squalifica!

La squadra del Ventspils è stata squalificata dalle competizioni UEFA per i prossimi 7 anni, secondo quanto ha stabilito l'organo di controllo, etica e disciplina dell'autorità calcistica. La UEFA ha accusato i 6 volte vincitori del campionato lettone di frode, concussione e corruzione, oltre alla violazione dell'integrità di partite e competizioni, con conseguente esclusione dai tornei dell'organismo europeo «per i prossimi 7 anni, fino al stagione 2027/28». Inoltre, il presidente del Ventspils, Adlans Šišhanovs, è stato squalificato a vita da tutte le attività legate al calcio, mentre il direttore sportivo del club, Nikolajs Djakins, è stato squalificato per 4 anni.
La UEFA ha anche aggiunto di aver chiesto alla FIFA di attuare il divieto su scala mondiale, dopo che Šišhanovs è stato accusato di «frode, concussione e/o corruzione» e di «violazione dell'integrità di partite e competizioni».

La Federcalcio lettone (LFF), che ha collaborato con la UEFA all'indagine, ha dichiarato in risposta: «La LFF sostiene le decisioni prese dalla UEFA. Allo stesso tempo, LFF è triste nel vedere il buon nome della squadra di calcio di Ventspils soffrire per il comportamento disonesto di alcuni individui».

La UEFA ha anche sanzionato l'arbitro Sergei Lapochkin con una squalifica di 10 anni nell'ambito del caso di partite truccate dopo che il direttore di gara russo è stato sospeso provvisoriamente a marzo per non aver segnalato un tentativo di influenzare una partita, la sfida tra lo stesso Ventspils e il Bordeaux nelle fasi di qualificazione all'Europa League nel luglio 2018. Di conseguenza, Lapochkin, che è stato nella lista gestita dalla FIFA degli ufficiali di gara internazionali dal 2013, è inibito dall'«esercitare qualsiasi attività arbitrale a livello nazionale e internazionale» fino a marzo 2031.



per informazioni e suggerimenti: redazione@sportextra.it