IBIA: «Nel 3° trimestre del 2021 segnalati 65 casi di scommesse sospette»

Calo del 14% rispetto al 2020

L'International Betting Integrity Association (IBIA) ha segnalato 65 casi di scommesse sospette alle autorità competenti durante il terzo trimestre del 2021. Il totale del 3° trimestre 2021 rappresenta una diminuzione del 14% rispetto allo stesso periodo del 2020, in cui ci sono state 76 segnalazioni. Gli avvisi del terzo trimestre 2021 hanno riguardato tennis (23 casi), calcio (18), ping pong (17), eSports (2) e uno per pallamano, cricket, squash, basket e futsal.

Da un punto di vista geografico, l'Europa ha rappresentato quasi il 60% di tutti gli allarmi segnalati durante il terzo trimestre 2021, seguita dall'Asia con il 15% e dall'Africa con il 12%. Khalid Ali, CEO di IBIA, ha dichiarato: «I 65 casi nel 3° trimestre portano il totale di 167 allarmi in 9 mesi, una diminuzione del 17% rispetto allo stesso periodo nel 2020 con 202 allarmi. Il tennis ha fornito il maggior numero di segnalazioni durante i primi 3 trimestri con 47, seguito dal calcio con 46, ping pong con 33 e gli eSport con 25 casi. Questi 4 sport hanno costituito il 90% degli avvisi segnalati nei primi 9 mesi. I vantaggi di far parte di un organismo internazionale di monitoraggio dell'integrità continuano ad essere riconosciuti; l'associazione accoglie con favore la decisione delle autorità dell'Ontario di richiedere a tutti gli operatori di scommesse autorizzati di far parte di un organismo di monitoraggio dell'integrità, una posizione che è già in vigore nel mercato di recente apertura in Olanda. I membri di IBIA sono ben posizionati in quei mercati».



per informazioni e suggerimenti: redazione@sportextra.it