I club belgi dicono “SI” alla fusione transfrontaliera con la Eredivisie olandese!

Nascerà la “BeNeLeague”, una super Lega transnazionale con 8 squadre belghe e 10 olandesi (tra queste sicuramente Ajax, PSV, Feyenoord e AZ)

di Carlo Lazotti

Le squadre di calcio belghe della Pro League hanno votato all'unanimità a favore di una fusione con l'Eredivisie olandese. La fusione vedrebbe le divisioni di massima serie belga e olandese formare un nuovo campionato transfrontaliero chiamato "BeNeLeague", con i dettagli e il format del campionato ancora da confermare.
I primi rapporti su un'eventuale fusione tra Pro League ed Eredivisie - rivela InsiderSport - sono emersi nel 2019, tuttavia soltanto ora i 25 club professionistici belgi (di massima divisione e serie cadetta) hanno ora votato a favore dell'«accordo di principio» per dare a un nuovo campionato unico «una giusta possibilità».

Un comunicato diffuso dalla Pro League ha citato i benefici finanziari che la fusione potrebbe avere per i club: «Questa futura ambizione si basa sul rispetto delle aspirazioni sportive dei “top club” e sulla necessità di stabilità economica per le altre società professionistiche. C'è un consenso unanime per dare ogni opportunità alla possibile realizzazione della “BeNeLeague”. La dirigenza della Pro League assumerà ora un ruolo attivo in questo. La “BeNeLeague” deve essere accompagnata dalla garanzia di stabilità economica per gli altri club professionistici attraverso la creazione di una massima divisione nazionale basata su licenze sostenibili e regole di concorrenza. Il progetto prevede anche che le squadre under 23 dei club professionistici possano competere nella serie nazionale Amateur».

Il campionato a 18 squadre comprenderà 8 squadre belghe e 10 olandesi, mentre i 10 club rimasti nella Pro League e gli 8 club esclusi dal secondo livello belga saranno assegnati a un campionato nazionale separato. Secondo i rapporti, Club Brugge, Anderlecht, Standard Liegi, Gent, Genk, Anversa e Charleroi sono stati tutti selezionati come club belgi proposti, con un'ottava squadra ancora da decidere. Ajax, PSV Eindhoven, Feyenoord e AZ Alkmaar sono stati invece tra i primi club di Eredivisie olandesi cooptati per entrare nel nuovo campionato transnazionale.

L'anno scorso, uno studio di Deloitte ha riportato che la creazione della “BeneLeague” potrebbe generare fino a 400 milioni di euro all'anno in diritti televisivi e accordi di marketing, dando una spinta finanziaria ai rispettivi club, una delle motivazioni primarie per la fusione. La società di consulenza è stata successivamente incaricata di indagare sulla fattibilità della fusione, che ha ora ricevuto il consenso unanime della Pro League.



per informazioni e suggerimenti: redazione@sportextra.it