Entain: un numero crescente di britannici vede il Gioco come un'attività sociale

Una nuova ricerca di Entain (il Gruppo proprietario dei brand Ladbrokes, Coral, Bwin e - in Italia - anche Eurobet e GiocoDigitale) ha scoperto che più della metà degli scommettitori (55%) considera le scommesse e il Gioco come un'attività sociale
Il sondaggio, condotto da CT Group, ha interrogato 2.000 cittadini britannici che amano scommettere su qualcosa di diverso dalla National Lottery almeno una volta al mese.  È emerso che il 78% degli intervistati piazza una scommessa almeno una volta alla settimana, e in genere spende circa la metà di quanto potrebbe spendere ogni 7 giorni in bar, pub o ristoranti. 
Entain ha notato che questi risultati, che precedono la revisione del Gambling Act del Regno Unito, rafforzano l'idea che «le scommesse sono un'attività sociale di cui la stragrande maggioranza delle persone gode in modo sicuro e responsabile».  La stragrande maggioranza (94%) degli adulti britannici che scommettono almeno una volta al mese crede di «dover essere liberi di decidere da soli come spendere il proprio tempo e denaro», mostrando un aumento dal 79% di dicembre 2020. 
Oltre il 90% delle persone che ha dichiarato di apprezzare le scommesse si considera un appassionato di sport e l'83% di queste ama scommettere sui risultati delle partite di calcio.
Nel frattempo, la metà di coloro che amano le scommesse è a favore del settore che sostiene i club di base e delle serie inferiori, spesso finanziati solo attraverso la pubblicità proprio dei grandi bookmaker operanti nel Regno Unito. 
Rafforzando l'idea che la maggior parte degli scommettitori gioca con i propri mezzi, il 58% degli intervistati si è classificato come risparmiatore e l'84% afferma di possedere un conto di risparmio.  Entain ha dichiarato: «In ogni aspetto della vita e del tempo libero, gli intervistati riferiscono di una maggiore attività online durante la pandemia, guidata da operazioni bancarie e acquisti. Sebbene in tutte le aree economiche le persone si aspettano che le loro attività online diminuiscano man mano che le restrizioni si attenuano, si aspettano anche di continuare a scommettere, fare acquisti e continuare ad usufruire dell'intrattenimento digitale online anche dopo la fine della pandemia».



per informazioni e suggerimenti: redazione@sportextra.it