Enada e RAS, taglio del nastro nel segno della fiducia

Si è nuovamente alzato il sipario sul mondo del gioco. Di nuovo in presenza, Enada e Rimini Amusement Show, le due fiere del gaming e dell’amusement, hanno aperto i battenti martedì fino a oggi, giovedì 23 settembre, alla Fiera di Rimini di Italian Exhibition Group in collaborazione con Sapar.

La 33ª edizione di Enada, Mostra Internazionale degli Apparecchi da Intrattenimento e da Gioco punta a dare un impulso all’intera filiera, completata dalla 3ª edizione di Rimini Amusement Show, che rappresenta il punto di riferimento per l’industria del gioco senza vincite in denaro.

Alla cerimonia inaugurale sono intervenuti i presidenti di Italian Exhibition Group Lorenzo Cagnoni e di SAPAR Domenico Distante, intervistati dal giornalista Cesare Trevisani. Presenti all’apertura anche l’onorevole Rosanna Conte e la presidente dell’Osservatorio Internazionale sul Gioco Ornella De Rosa.

«C’è un forte bisogno di ritrovarsi per fare business e per confrontarsi sui nuovi scenari che si stanno delineando -, ha sottolineato Lorenzo Cagnoni -. Enada e Rimini Amusement Show vanno in questa direzione, valorizzando le novità e i segnali del mercato: lo dimostra la risposta delle aziende, che continuano a darci fiducia, consapevoli che per uscire dalla crisi occorre mettersi insieme e che le fiere sono uno strumento imprescindibile per fare business».

«Oggi essere qui è molto importante, ringrazio gli espositori presenti», gli ha fatto eco Domenico Distante, presidente SAPAR. «Siamo riusciti a fare squadra per realizzare questa fiera. Purtroppo i problemi sono però ancora tanti. Siamo infatti in attesa del riordino nazionale del settore e abbiamo problemi con le concessioni che scadono. Questo settore, quello del gioco legale, deve essere tutelato a 360 gradi».

Layout e novità

Triplicati gli spazi rispetto al 2020, le due fiere occupano i padiglioni C1, C2, C3, con accesso dall’ingresso principale, ingresso Sud, del quartiere fieristico di Rimini. I padiglioni C1 e C3  sono dedicati alle aziende del gaming, mentre il C2 è occupato dal settore amusement. Nel C3 trovano spazio inoltre la Vision Arena, che ospita tutta la parte convegnistica e formativa, e l’area networking dell’Esports Business Day. E proprio a questo business, in crescita in questi anni, è dedicata una delle novità 2021, comune a RAS e a Enada: l’Esports Business Day, che nella giornata di domani proporrà workshop con alcuni dei massimi esperti e membri dell’Osservatorio italiano Esports, che condivideranno conoscenze, case histories e i principali trend aggiornati del mercato, in un format inedito e al 100% B2B.



per informazioni e suggerimenti: redazione@sportextra.it